DPI: cosa dice la legge 81/2008 sui dispositivi di sicurezza individuale

Il tema della sicurezza sul lavoro è molto delicato e dibattuto e trova oggi un riferimento normativo nel Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro, ossia il decreto Legislativo 81 del 09/04/2008. I soggetti coinvolti in questa legge sono i lavoratori da un lato e i datori di lavoro dall’altra, che devono occuparsi di tutelare la salute e l’integrità di tutti coloro che lavorano presso l’azienda. Come dicevamo, il tema è molto ampio e dibattuto: in questo articolo cercheremo di spiegare le norme regolano l’abbigliamento da lavoro e quali adempimenti obbligatori devono seguire tutti i soggetti coinvolti.

Cosa sono i DPI?

Ci sono tipologie di lavoratori che sono obbligati ad indossare dei particolari indumenti, necessari per proteggerli dai rischi professionali. Ci riferiamo a tutti quei lavoratori che lavorano nei cantieri, o per strada e che hanno bisogno di essere protetti da eventuali danni fisici derivanti dalla loro attività.

Questi particolari capi di abbigliamento prendono il nome di DPI, acronimo di Dispositivo di Protezione Individuale e si definiscono come:

“qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza e la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo”.

Rientrano tra i DPI, indumenti come:

Obblighi del datore di lavoro sui DPI

Il datore di lavoro deve assolvere ad una serie di obblighi in merito alla dotazione dei dispositivi di sicurezza in carico ai lavoratori. In particolare il datore di lavoro deve:

  • Valutare l’entità del rischio e la frequenza di esposizione al pericolo;
  • Assicurare le condizioni di igiene e pulizia dei DPI, attraverso la sua manutenzione e, se necessario, sostituzione;
  • Fornire adeguate istruzioni al lavoratore;
  • Assicurare una formazione adeguata all’uso del DPI, obbligatoria in caso di dispositivi di protezione dell’udito.

La Cassazione ha chiarito un altro dovere del datore di lavoro: egli infatti è tenuto a considerare come normale orario di lavoro, e quindi anche a retribuire, il tempo che il lavoratore dedica ad indossare l’abbigliamento da lavoro (sentenza n. 2135 del 31 gennaio 2011).

Ovviamente il datore di lavoro ha obblighi solo nel caso in cui l’abbigliamento del lavoratore sia obbligatorio per motivi di sicurezza e protezione; questi obblighi non valgono, ad esempio, in caso di indumenti indossati per gerarchie professionali oppure per richieste di particolari del capo  ufficio (su questo argomento rimandiamo a “Come vestirsi in ufficio: regole dell’abbigliamento da lavoro”): in tal caso come vestirsi è una scelta individuale, se pur consigliata, e soprattutto non afferisce alla sicurezza e alla protezione della propria integrità.

Obblighi del lavoratore sui DPI

Se da un lato il datore di lavoro deve garantire il corretto utilizzo delle DPI, dall’altro lato è il lavoratore il vero garante della sicurezza dell’azienda. E’ lui infatti che con il suo operato deve fare sì che non vi siano rischi per la sua incolumità e deve rispettare tutte le regole che il datore gli impone. Nello specifico il lavoratore ha l’obbligo di:

  • seguire i corsi di formazione sull’uso delle DPI, quando necessari;
  • indossare in maniera corretta i DPI, seguendo le istruzioni ricevute;
  • non manomettere in alcuno modo i DPI, eventuali danni sarebbero poi a sue spese;
  • segnalare eventuali difetti o anomalie riscontrate negli indumenti in suo possesso;
  • seguire le istruzioni in merito alla riconsegna dei DPI.

Diverse tipologie di dispositivi di protezione

Sono diverse le parti del corpo che i dispositivi di sicurezza devono proteggere, pertanto i DPI sono stati suddivisi in base al tipo di protezione che offrono. Di seguito descriviamo i DPI più importanti.

Dispositivi di protezione occhi

Gli occhi sono indubbiamente tra gli organi più delicati da proteggere, per questo esistono dispositivi di protezione specifici come occhiali a visiera, occhiali monouso, caschi per saldatura.

Dispositivi di protezione testa

Si tratta di quei dispositivi necessari per proteggere la testa da eventuali cadute di detriti, oggetti e fiamme libere e si usano principalmente in campo edilizio: elmetti,frontalini, lampade per elmetti, caschetto anti urto appartengono a questa categoria.

Dispositivi di protezione udito

Si usano negli ambienti di lavoro in cui si superano le soglie di rumore consentite e quindi il lavoratore viene dotato di cuffie protettive e tappi per le orecchie per la protezione dei timpani.

Dispositivi di protezione vie respiratorie

L’inalazione di sostanze pericolose per la salute è tra i principali motivi di malattie sul lavoro, pertanto è assolutamente obbligatorio indossare mascherine facciali che proteggano le vie respiratorie, quando si lavora a contatto con materiali cancerogeni.


Consulta altro su:,